FairCoin avvia la prima blockchain cooperativa al 100%

Maro home post, post home

Si tratta di un traguardo storico: dopo due anni di sviluppo e un’infinità di prove, la blockchain di FairCoin è pronta per cambiare il suo algoritmo; ora passa ad un algoritmo di consenso chiamato “Prova di Cooperazione” (Proof-of-Cooperation), e non utilizza più il vecchio chiamato”Prova di Partecipazone” (Proof-of-Stake).

Ti sei mai chiesto perchè Bitcoin consuma una quantità enorme di energia elettrica? Perchè è controllato soltanto da una piccola quantità di proprietari? Il nuovo FairCoin è invece esattamente l’opposto: quasi non necessita energia ne per confermare le transazioni (i nodi possono funzionare attraverso computer con un hardware minimo, come Raspberry Pi e simili), ne per garantire la sicurezza del sistema. Inoltre, l’uso e la distribuzione di FairCoin sono basate su criteri di equità e di giustizia sociale.

A differenza di altre criptomonete, FairCoin2 non adopera nessun sistema data mining o data minting, che sono sistemi basati su meccanismi competitivi. La generazione di blocchi per le transazioni viene fatta tramite dei “Nodi di validazione cooperativa” (cooperatively validated nodes o CVN). Questi nodi cooperano per mantenere la sicurezza della rete. È per questo motivo che il sistema è stato chiamato “Prova di Cooperazione”.

FairCoin sta divetando la moneta elettronica fondamentale di un ecositema di pagamenti totalmente decentralizzato, il tutto usando la minima quantità di energia possibile. FairCoin è la moneta di un sistema che viene accettato da sempre più gente. È la moneta alla base di FairCoop, FairMarket, FreedomCoop e adesso anche di Bank of the Commons, il sistema bancario alternativo del quale FairCoop è uno dei fondatori.

FairCoin è l’elemento fondamentale di un sistema che facilita i trasferimenti di denaro, a costi molto bassi o a costo zero, tra continenti, nazioni, utenti e anche tra conti correnti ordinari. Nell’ecosistema FairCoin, l’ingegno colletttivo è a servizio della creazione di strumenti utili a tutte le persone: sistemi POS per negozi, schede prepagate, cambio istantaneo di valuta, cambio in euro tramite bancomat, pagamento di spese domiciliate… e tutti i servizi bancari che fino ad ora erano in mano ad una elite ristretta.

L’altissima efficienza della rete FairCoin, le relazioni tra nodi di fiducia, il bassissimo costo energetico e, di conseguenza, i costi bassi per le transazioni fanno di Faircoin una delle migliori monete di micropagamento, importantissimi per supplire alle necessità legate all’economia reale delle persone e per il suo uso in società impoverite.

Il 18 luglio 2017, i 53.160.000 faircoin in circolazione veranno trasferiti in una nuova catena di blocchi (blockchain). A partire da questo momento non verranno coniate nuove monete, cosicchè, essendo un bene finito, il suo valore sarà ogni volta più elevato in rapporto alle altre monete conseguentemente alla progressiva estensione del suo utilizzo nell’economia reale. Questo sarà un grande stimolo per gli utenti facenti parte della comunità di Faircoin e consentirà un livello di autogestione crescente che permetterà di far fronte al sistema capitalistico dominante, basato sulla crescita infinita di moneta e sulla perdita di potere d’acquisto delle persone, nella costante lotta per la ridistribuzione delle risorse a tutti gli effetti nelle mani di pochi.

FairCoin è una moneta auto-organizzata la cui forma è aperta ed orizzontale. La comunità decide, sulla base del consenso ottenuto nel gruppo online di “strategie economiche”, quando e come la rivalutazione della moneta deve essere realizzata. Questo processo è totalmente trasparente e consono alle situazioni del momento. È quindi una moneta totalmente stabile, non svalutabile e di assoluta fiducia per la comunità, nonchè utile per il suo uso in transazioni di carattere privato e commerciale. Il suo algoritmo, basato sulla “Prova di Cooperazione” (PoC), è una grande innovazione e rende possibile la distribuzione equa della ricchezza, impedendo che soltanto i più ricchi diventino sempre più ricchi. Si tratta, probabilmente, della più importante innovazione tecnologica nel campo della blockchain fin dalla creazione del bitcoin.
Questo notevole contributo non proviene da un’azienda o da un gruppo di persone con interessi privati, ma da un movimento sociale!

“Abbiamo pianificato, sviluppato e testato l’algoritmo criptografico per due anni. Ora è giunto il momento di passare al sistema di Prova di Cooperazione, che è il concetto più stabile e affidabile che si sia mai visto nel mondo della Blockchain”
Thomas König, sviluppatore principale FairCoin

Una quinta parte di tutti i FairCoins in circolazione furono comperati da Enric Duran nel 2014 e donati alla FairCoop. Col valore generato tramite l’attività cooperativa e per il bene comune, il suo valore oggi supera già il milione di euro, e (i faircoins) continuano ad essere conservati in un wallet comune per sostenere diversi fondi sociali di FairCoop, come quello dei Commons o quello del Sud Globale. Con FairCoop continuiamo a costruire un’ecosistema per un’economia giusta.

“Con FairCoop stiamo costruendo una società basata sulla cooperazione e sull’appoggio reciproco. In questo cammino, FairCoin si sta mostrando uno strumento chiave, attraverso cui inter-collegarci globalmente e finanziare la transizione. Con l’arrivo della “Prova di Cooperazione”, il codice si colloca all’altezza della nostra visione politica”
Enric Duran, attivista nell’ecosistema cooperativo e nel mondo dell’economia alternativa.

Dopo il passaggio a FairCoin2, sará necessario aggiornare i portafogli elettronici (wallets)

Il processo per aggiornare la maggior parte dei portafogli FairCoin è semplice come aggiornare un’applicazione, eccetto Electrum, per il quale dopo la nuova istallazione verrà richiesta l’introduzione di un “codice seme” (seed) del portafoglio precedente, al fine di garantire che le monete non possano andar perse (persino nel caso venga distrutto un dispositivo).

  • Per il portafoglio Android Nativo: ci sara’ un’aggiornamento nella Google Play Store.
  • Per il portafoglio Core (MacOsX, Windows, Linux): si scarica la nuova versione e l’aggiornamento verrà effettuato seguendo i passi indicati dall’istallatore.
  • Per il portafoglio Electrum (MacOsX, Windows, Linux, Android): istallare la nuova versione e ripristinare il portafoglio adoperando il seme (seed) previamente custodito al momento della creazione del portafoglio precedente. La versione Android di Electrum è un nuovo sviluppo che viene lanciato con FairCoin2 e che ne faciliterà l’uso, sia nel cellulare che nel computer.

È stata abilitata una pagina speciale, con appositi collegamenti per scaricare tutti i tipi di portafoglio: https://download.faircoin.world

Come dovrebbe ormai sapere chiunque usi un portafoglio elettronico, è importante conservare una copia di sicurezza (backup) al di fuori del medesimo dispositivo sul quale è istallato. Nel caso di Electrum, è necessario segnare o mettere accuratamente al sicuro le 12 parole (seme) che appaino al momento dell’istallazione. In questo modo è possibile reistallare il portafoglio tutte le volte che è necessario, senza perdere le monete che esso contiene.

Se qualche utente non e’ sicuro di avere una copia di sicurezza del suo portafoglio Electrum o non dispone del seme del medesimo (seed), non lo deve deistallare ne’ rimuovere. E’ da preferire che prima mandi le monete ad un’altro portafoglio (ad esempio, un portafoglio on line, come quello di: https://fairpay.fairtoearth.com/ ), e che poi proceda all’istallazione di uno nuovo e, una volta fatte entrambe le cose, è possibile rinviare i faircoin dal portafoglio on line verso il suo nuovo Electrum.

Per ulteriori informazioni pratiche: https://fair-coin.org/
https://github.com/faircoin/faircoin/wiki/FairCoin2-migration-FAQ

Concetti:
Blockchain: Chiamata anche “catena di blocchi”, è una base dati distribuita tra numerosi servers la quale serve, fondamentalmente, per registrare tutte le movimentazioni di una criptomoneta, in modo tale che, una volta reso pubblico un determinato dato o processo, esso risulti impossibile da modificare.

Portafoglio Wallet: È un programma (disponibile attualmente per vari sistemi operativi e anche con delle versioni on line) che consente di conservare e gestire le monete elettroniche (FairCoin, in questo caso) in maniera molto sicura. Si può vedere il saldo, ricevere delle monete o inviarle ad altre persone che abbiano a disposizione il loro proprio portafoglio.

POS: Point of Sale o Punto di Vendita. È riferito ad un sofware incaricato di gestire vendite e riscussioni nei negozi.

Prova di Partecipazione (PoS – Proof-of-Stake). Algoritmo usato da alcune criptomonete, mediante il quale le macchine incaricate di trovare blocchi di transazioni e di confermarle ricevono una ricompensa la quale è direttamente proporzionale al numero di monete che gia’ possiedono. A maggiore quantità di monete risparmiate, maggiore ricompensa.

Prova di Cooperazione (PoC – Proof-of-Cooperation). Le macchine incaricate di trovare e validare le transazioni in maniera rotativa e ricevendo una piccola ricompensa come riconoscenza per la sua cooperazione e per la quantità minima di energia utilizzata.

This post is also available in: Inglese Spagnolo Francese Catalano Tedesco Greco